Twitch fa infuriare gli Streamer più grandi: ecco spiegato il motivo

Ci sono alcune indiscrezioni che rivelerebbero una prossima politica di Twitch riguardo i suoi content creator di maggior successo che potrebbe comportare gravi conseguenze. Secondo l’agenzia Bloomberg, infatti, esisterebbero dei fascicoli in cui sarebbe possibile leggere delle informazioni riservate sulle prossime modifiche contrattuali cui dovranno contravvenire gli Streamer più noti sulla nota piattaforma web di streaming. Quello che starebbe per accadere, a quanto pare, riguarda le modifiche inerenti le attuali percentuali di guadagno da parte della piattaforma e dei suoi creatori di contenuti. A controbilanciare questa modifica, però, ci sarebbe anche una “liberalizzazione” nei confronti degli streamer e quindi la faccenda merita di essere chiarita più adeguatamente. Scendiamo, allora, nel dettaglio e vediamo cosa potrebbe succedere nei prossimi tempi.

Attualmente, riguardo a donazioni e sottoscrizioni, le percentuali che rispettivamente vanno nelle tasche dell’azienda e degli streamer sono del 30% e del 70%. Twitch invece adesso avrebbe deciso di optare per un futuro 50% a testa riguardo però solo suoi maggiori content creator  e questo avrebbe mandato su tutte le furie gran parte degli streamer più seguiti. Ad addolcire la pillola, però, subentrerebbe la revoca di esclusività che la piattaforma richiedeva ai suoi creatori. Sull’attuale contratto, infatti, è espressamente richiesto di non streammare su altre piattaforme competitrici ma questa clausola, a quanto pare, starebbe per essere revocata. Le dichiarazioni in merito da parte dei nomi più noti non si sono di certo fatte attendere e  Jericho e Jacksepticeye, ad esempio, hanno già minacciato di lasciare Twitch laddove le voci si confermassero come fondate.

Non sappiamo in realtà se queste, nonostante provengano da fonti attendibili, siano notizie del tutto esatte. Come mossa, effettivamente, non sembrerebbe una delle più furbe, almeno ai nostri occhi. Diminuire gli introiti di coloro i quali garantiscono le maggiori entrate concedendogli, in oltre, di scegliere piattaforme che potrebbero permettere loro maggiori guadagni, non appare, almeno al nostro ingenuo sguardo, una strategia delle più promettenti. Staremo a vedere nei prossimi giorni, allora, se questi rumors vedranno confermarsi e quale sarà l’ eventuale risposta degli utenti della piattaforma. Che in casa Twitch ci fossero cambiamenti era ormai assodato da tempo e molte sono state le novità e i dietro front che negli ultimi anni si sono succeduti. Cosa ci aspetterà allora in futuro? Staremo a vedere ma se le cose dovessero andare come previsto, sembra del tutto naturale che altri grandi nomi come Youtube e Facebook non mancheranno sicuramente l’occasione per approfittarne.

LEGGI ANCHE: Twitch, la funzione 'Boost' è stata disabilitata: "Favorisce i contenuti vietati ai minori"

Lascia un commento