Google rimuove 1,2 milioni di App nocive: ecco spiegato il motivo

In un intero anno il colosso di Mountain View, Google, ha eliminato quasi 1,2 milioni di Applicazioni nocive dal suo App Store. Grazie allo sviluppo di un sofisticato algoritmo è stato infatti stato possibile identificare uno sterminato numero di Applicazioni sul Play Store e individuare quelle dannose o che violavano gli standard della compagnia. I dati sono verificabili sul Google Security Blog e sinceramente nessuno si aspettava che fossero così tante le Applicazioni non idonee alla pubblicazione sulla nota piattaforma. Stando ai numeri pubblicati sulla pagina ufficiale della compagnia riguardo le notizie sulla cyber sicurezza, sarebbero quasi 200 mila gli sviluppatori che avrebbero pubblicato sul Play Store dei programmi nocivi o che non rispetterebbero le regole di Google.

Le contromisure però, come abbiamo detto, non sono mancate e oltre all’implementazione di questo algoritmo che setaccia un numero immenso di Applicazioni, anche nuove politiche stanno per essere adottate in merito. A partire da questo 20 luglio, infatti, prima di ogni pubblicazione di qualsivoglia Applicazione sullo store on line di Google bisognerà dichiarare, da parte dello sviluppatore, ovviamente, il tipo di dati che saranno raccolti e in che modo verranno utilizzati. Ricordiamo, però, che anche noi utenti possiamo migliorare la sicurezza adottando alcuni accorgimenti importanti. Sulla pagine ufficiale di Google, infatti, ci viene ricordato che è possibile utilizzare alternative alle App meno sicure. Poiché l'opzione che consente l'Applicazione forzata (di App non conformi) non è più disponibile, consigliamo di disattivare adesso l'accesso da parte di App meno sicure e di iniziare appena possibile a utilizzare delle alternative. Si può, inoltre, gestire l’accesso ad App meno sicure seguendo questi passi: Accedi alla Console di amministrazione Google. Fallo utilizzando un account amministratore, non il tuo account attuale, nella home page della Console di amministrazione e vai a “Sicurezza”, “Applicazioni meno sicure”. Per visualizzare la sicurezza sulla home page, potrebbe essere necessario fare clic su “Altri controlli” in fondo alla pagina. Per applicare l'impostazione a tutti, è necessario lasciare selezionata l'unità organizzativa di primo livello. In alternativa, si può selezionare un'unità organizzativa secondaria o un gruppo di configurazione. Selezionare, poi, l'impostazione per le App meno sicure e disattivarne l'accesso. Gli utenti non potranno così attivare l'accesso alle App meno sicure. Se quando viene disattivato l'accesso alle App meno sicure una di queste ha una connessione aperta con un account utente, l'App scadrà quando tenterà di aggiornare la connessione. I periodi di timeout possono ovviamente variare a seconda dell'App. Nonostante, allora, Google sia sempre all’opera per la sicurezza seguite comunque questi utili consigli per stare molto più  sicuri.

LEGGI ANCHE: Smartphone Android, una funzione per la sicurezza anche per i vecchi device: ecco di cosa si tratta

Lascia un commento