App, cosa se ne fanno dei nostri dati? È Google Play a dircelo: tutti i dettagli

Google interviene su una questione molto delicata che riguarda tutti noi, l'utilizzo dei nostri dati da parte delle App che installiamo ogni giorno. In effetti, è una cosa molto importante perché effettivamente non sappiamo come la usano, motivo per cui questa cosa potrebbe essere importante per alcuni di noi. Quindi, come ci tiene informati Google in merito alla questione? L'installazione di App può sicuramente essere un'ottima aggiunta ai nostri Smartphone, ma poiché non sappiamo come vengono utilizzati i nostri dati, è chiaro che da questo punto di vista potremmo essere preoccupati. Il modo migliore è tenerci aggiornati su come utilizzarlo frequentemente, motivo per cui Google ha deciso di dirci cosa ne fanno. In particolare, Google Play lo gestisce, il che aiuterà gli utenti a essere più consapevoli di come le applicazioni acquisiscono, condividono e proteggono le loro informazioni personali. Nello specifico, si tratta della nuova sezione "Sicurezza dei dati" inserita nella tabella delle applicazioni pubblicata nello store ufficiale, che veniva utilizzata qualche tempo fa.

LEGGI ANCHE: Android Auto e le risposte rapide ai messaggi: ecco come funzionano

Gestione dei dati App, il nuovo regolamento per gli sviluppatori

Questa nuova categoria riporterà le misure di sicurezza in atto per proteggere i dati degli utenti, quali informazioni può raccogliere un'applicazione e quali informazioni condivide, come la posizione. In questo modo, ancor prima di scaricare e installare un'App sul nostro Smartphone, avremo una serie di elementi importanti per valutare se e in che misura essa entra nel nostro ambito personale. Nel corso della giornata di ieri, la novità è cominciata ad apparire in Google Play, ma ci vorrà del tempo finché sarà applicata a tutte le app pubblicate. Gli sviluppatori hanno tempo fino al 20 Luglio per completare le informazioni richieste nella sezione Sicurezza dei dati, che verranno quindi mantenute aggiornate dagli sviluppatori ogni volta che aggiungono funzionalità all'app o modificano le loro pratiche di gestione dei dati. Tuttavia, questa sezione migliora notevolmente anche gli strumenti già a disposizione degli utenti Android per determinare il modo in cui le applicazioni gestiscono i dati personali. Sapere quando i servizi di un'app vengono concessi o negati durante l'installazione, conoscere la posizione o non conoscerne la posizione tramite un dashboard specifico per la privacy, è un'ottima soluzione per includere un elenco generale di autorizzazioni e software che consenta all'app di accedere alle informazioni sui dati.

LEGGI ANCHE: App Android colpite da un Malware: attenzione a queste applicazioni

Lascia un commento