WhatsApp, qualcuno ti ha bloccato? Ecco come scoprirlo con questo metodo

Nella rubrica telefonica dei nostri smartphone contiamo, ormai, centinaia di contatti e non tutti, ovviamente, risultano tra i più graditi. Che si tratti di vecchie frequentazioni che, ad un certo punto, sono risultate spiacevoli o che, invece, si tratti di personaggi a noi  particolarmente antipatici, a chiunque è purtroppo già capitato di inserirle qualcuno in una black list che gli precluda di contattarci. Su whatsapp è disponibile, infatti, la possibilità di “bloccare” i contatti e molti di noi ne hanno già usufruito da tempo. Come è ovvio, però, anche noi potremo far parte di questa  lista di “indesiderati” e sull’ applicazione testé citata non c’ è nessuna possibilità per verificarlo tramite una notifica. E’ allora impossibile capire se siamo stati bloccati da qualcuno sulla nota applicazione? Ebbene no e i metodi per verificarlo sono diversi.

Un primo indizio è, appunto, verificare se è ancora disponibile la visualizzazione della foto contatto, cosa che sarebbe preclusa laddove fossimo stati bloccati. Potrebbe darsi, però, che la persona in questione abbia solo deciso di eliminare la suo fotografia e quindi questa modalità sopra elencata non garantisce al 100% che siamo stati bloccati davvero. Un secondo metodo, allora, che possa assicurarcelo è quello di utilizzare le chiamate tramite Whatsapp. Laddove, infatti, non fosse possibile effettuarne al contatto stabilito avremo allora davvero la certezza di essere stati inseriti nella black list. Potrebbe capitare, però, di aver frainteso e verificando tramite questo metodo potremmo incorrere in una situazione imbarazzante telefonando l’interessato senza avere nulla da dire. Il terzo metodo che andremo a proporvi, allora, è davvero la prova del nove e se dovesse verificarsi quello che stiamo per suggerirvi avreste la certezza di non poter più contattare l’interessato.

Ci riferiamo alla possibilità di “aggiungere” la persona in questione ad un gruppo Whatsapp. Nel caso in cui, infatti, cercassimo di farlo e apparisse il messaggio “Non sei autorizzato ad aggiungere questo contatto” avremmo davvero la certezza di essere stati bloccati dall’utente. Diversi sono allora i metodi per verificare questa triste verità e quindi abbiamo più strade per fugare ogni dubbio. Utilizzate, allora, uno di questi procedimenti per verificare se i vostri sospetti siano fondati ma vi consigliamo di non prendere l’accaduto troppo sul serio. E’ normale, infatti, che possa insorgere qualche incomprensione fra conoscenti e non bisogna abbattersi comunque in nessun caso. Al mondo, infatti, siamo in tanti ed è naturale che possano insorgere delle incompatibilità. Il consiglio, allora, è quello di prendere atto della cosa con filosofia e cercare di non rimanerne delusi.

LEGGI ANCHE: WhatsApp, 19 milioni di italiani vittime di phishing? L'indiscrezione

Lascia un commento