Canon lancia un nuovo visore VR, è pronto all'uscita: tutti i dettagli

La Canon, come tutti forse ne sono già a conoscenza, è un'azienda leader nel settore tecnologico, fondata nel 1937 in Giappone, la cui mission è quella di aiutare le persone a reinventarsi e spingersi oltre i confini del possibile attraverso l'imaging. Abbiamo sempre visto l'Azienda realizzare le migliori apparecchiature fotografiche di grande qualità e la loro è una tradizione (e un'esperienza) senza precedenti. Oggi vediamo un nuovo progetto dall'Azienda Giapponese e si tratta di un nuovo visore per la realtà aumentata, e che presto sarà disponibile per tutti. Ho pensato che sia importante parlarne nonostante questo device sarà disponibile soltanto in un secondo momento, perché vorrei che capiste cosa l'Azienda sta cercando di proporre. Canon non è nota al pubblico per la realizzazione di visori VR, ma l'azienda ha sperimentato in quest'area per diversi anni per poter creare con successo un dispositivo degno di essere lanciato. Tuttavia, sembra essere un anno "favorito", il che significa che l'azienda ha finalmente deciso di lanciare un prodotto che potremo acquistare presto. Sto parlando del casco Canon MREAL X1, che è una versione rivista e rivista del MREAL S1 introdotto lo scorso anno. Il nuovo dispositivo, la cui uscita è prevista per Giugno, avrà un angolo di visione più ampio, con uno schermo 2,5 volte più grande rispetto al modello precedente. Dovrebbe essere 58° in orizzontale e 60° in verticale, ma quali altre informazioni abbiamo? Direi di scoprirlo subito.

Canon MREAL X1: quali sono le specifiche del visore

Inizio con il parlarvi delle dimensioni del Canon MREAL X1 che rimarranno compatte, mentre l'unica parte del visore pesa 158 grammi, portando il peso totale a 359 grammi dell'headset. Lo schermo ha una risoluzione in 4K a 3840 × 2160 pixel e un pannello con frequenza di aggiornamento di 120 Hz. Verrà in mente una versione con archetto o maniglia, in quanto il campo di utilizzo, soprattutto commerciale, può prevedere anche usi specifici; immaginate ad esempio di dover immaginare un'auto in un edificio. Inoltre il sistema riconosce lo spazio circostante e permette di creare oggetti virtuali da inserire al suo interno, dando all'utente la possibilità di girarci intorno ed entrarci, mantenendo sempre le dimensioni dello spazio reale.Ovviamente il prezzo di questo dispositivo Non sarà basso; l'ultimo era disponibile per 38,4 milioni di dollari, quindi supponiamo che anche il prossimo costerà molto. Quindi, se abbiamo l'idea di acquistarlo, tenete presente che costerà parecchio. Forse non è una cosa che qualsiasi azienda può fare, ma per chi ha cercato di aggiornarsi nel tempo, è inevitabile pensare che questo possa essere un buon investimento, ecco perché è necessario valutare attentamente ciò che non ha possibilità.

Lascia un commento