Bang&Olufsen rivoluziona i suoi auricolari: cosa c'è da sapere sui nuovi Beoplay Ex

Bang&Olufsen è un'Azienda danese specializzata nella realizzazione e produzione di apparecchi audio hi-fi, fondata nel 1925 (quasi 100 anni fa) da Peter Bang e Svend Olufsen (l'unione dei cognomi ha dato vita infatti al nome dell'Azienda). I loro prodotti si sono sempre contraddistinti per il loro particolare design, oserei dire riconoscibile anche se il marchio non fosse presente. Ad oggi gli auricolari non sono più una parte integrante dei nostri Smartphone, ma più che altro una parte integrante del nostro corpo. Basti pensare ad alcune donne (tipo me) che restano con gli auricolari piazzati come se fossero orecchini anche quando non devono stare al telefono.  Le nuove cuffie ANC in-ear Beoplay EX apportano un'innovazione radicale a Bang&Olufsen con un nuovo design dello stelo. Una versione aggiornata del Beoplay EQ introdotta lo scorso anno, con un design integrato abbastanza compatto.

Bang&Olufsen, riprogettare gli auricolari all'insegna dell'innovazione

Se Apple fino ad ora fosse stata considerata dal pubblico la numero uno in termini di cuffie, avrebbe di certo potuto abbandonare l'iconica forma a stelo dei suoi AirPods Pro 2 (che tra l'altro non sono stati ancora annunciati), Bang&Olufsen a quanto pare, sembra aver preso una strada completamente diversa, sorprendente anche oserei dire, stravolgendo completamente il design dei suoi auricolari wireless Beoplay EX. Ma, il restyling di quest'ultimi non è l'unica sorprendente caratteristica: infatti, l'Azienda sottolinea che questo nuovo dispositivo sarà considerato il più comodo di sempre grasie alla custodia in-ear più piccola. Questo paio di auricolari è impermeabile e antipolvere IP57 e ogni auricolare pesa 6 grammi. Inoltre, gli auricolari sono dotati di un pannello in vetro riflettente disegnato dall'artista industriale Thomas Bentzen, circondato da un anello in alluminio per un look accattivante. In questo caso, Bang&Olufsen non ha perso il proprio marchio di prodotto basato sull'estetica, ma più che altro potrebbe essere considerato un vero prodotto di punta. Passando alle specifiche, i Beoplay EX sono dotati di un driver audio più grande nella categoria del marchio. Ogni driver audio ha un diametro di 9,2 mm, rispetto ai 6,8 mm del Beoplay EQ dell'anno scorso. B&O stima fino a 6 ore di durata della batteria con Adaptive ANC abilitato, ma la custodia di ricarica la estende a 20 ore. Lo standard Qi supporta la ricarica wireless per riempire la batteria della custodia.

Dal punto di vista delle specifiche, i Beoplay EX hanno il driver audio più grande all’interno della categoria del marchio. Ogni driver audio misura 9,2 mm di diametro, rispetto ai 6,8 mm del Beoplay EQ dell’anno scorso. B&O stima fino a 6 ore di durata della batteria in caso di utilizzo continuo con l’ANC adattivo attivato, ma può essere estesa fino a 20 ore con la custodia di ricarica. La ricarica wireless è supportata dallo standard Qi per riempire la batteria della custodia. Ovviamente una connessione Bluetooth 5.2 e i Beoplay EX supportano i codec SBC, AAC e aptX di Qualcomm. Presentano anche tre microfoni MEMS su ciascun auricolare, che garantiscono un'uscita vocale di alta qualità, soprattutto durante le chiamate. I livelli di riduzione del rumore e l'equalizzatore possono essere regolati tramite l'app Bang&Olufsen, disponibile sia per dispositivi Android che per dispositivi iOS. I colori a disposizione sono nerooro e la combinazione blu/nero. Il prezzo sicuramente non può che essere di fascia, ma con molta sorpresa l'Azienda decide sì di cambiare, ma non del tutto. Infatti i suoi Beoplay EX sono venduti sul mercato al prezzo di 399 dollari. Ricordiamo che attualmente in commercio abbiamo trovato diverse cuffie del marchio Bang & Olufsen, a cominciare dalle H5, al prezzo di 94 euro. L'E6 ha un prezzo di 199,99 euro, mentre l'E8 di terza generazione ha un prezzo di 218 euro. Infine, gli EQ al prezzo di 399 euro, attualmente il marchio top in Bang&Olufsen.

LEGGI ANCHE: Apple, stop alle foto di nudo: contenuti espliciti bloccati dalla Communication Safety in altri quattro paesi

Lascia un commento