Apple, stop alle foto di nudo: contenuti espliciti bloccati dalla Communication Safety in altri quattro paesi

Una buona notizia è arrivata per tutti i genitori preoccupati per il materiale foto e video che potrebbe essere inviato ai loro figli minorenni. Apple, infatti, ha sviluppato e reso disponibile una tecnologia capace di oscurare i file contenenti immagini di nudo direttamente dal proprio device. Risale, appunto, a qualche mese fa l’intenzione del colosso di Cupertino di sviluppare questa funzionalità diretta alla protezione dei minori per contenuti espliciti. Un di queste, che salutiamo con estrema gratitudine, è la CSAM Detection che identificherebbe il materiale incriminato rintracciando corrispondenze nel database del National Center for Missing Exploited Children e inviando direttamente le segnalazioni agli organi competenti.

Il comunicato ufficiale della compagnia, rintracciabile sul sito ufficiale, specifica molto dettagliatamente, oltretutto, che non ci sarebbero problemi inerenti la privacy. E’ infatti possibile leggere che: Il metodo di rilevamento di CSAM di Apple è progettato tenendo conto della privacy degli utenti. Invece di scansionare immagini nel cloud, il sistema esegue la corrispondenza sul dispositivo utilizzando un database di immagini CSAM note hash forniti da NCMEC e altre organizzazioni per la sicurezza dei bambini. Apple trasforma ulteriormente questo database in un insieme illeggibile di hash, che è archiviato in modo sicuro sui dispositivi degli utenti. 

A quanto pare, però, non sembra che abbia funzionato granchè, tant’ è vero che il servizio è stato da poco soppresso proprio per qualche presunta violazione della privacy. Apple ha allora preso subito contromisure efficaci proponendo il Communicatio Safety, una nuova modalità simile alla precedente. Sempre sulla pagina ufficiale della compagnia della mela, allora, viene descritta questa nuova funzione: L'app Messaggi include strumenti per avvisare i bambini quando ricevono o inviano foto che contengono nudità. Queste funzioni non sono abilitate per impostazione predefinita. Se i genitori acconsentono, questi avvisi verranno attivati per gli account figlio nel loro piano “In famiglia”. Quando riceve questo tipo di contenuto, la foto sarà sfocata e il bambino verrà avvisato, gli verranno presentate risorse utili e sarà rassicurato che va bene se non desidera visualizzare questa foto. Protezioni simili sono disponibili se un bambino tenta di inviare foto che contengono nudità. In entrambi i casi, i bambini hanno la possibilità di inviare un messaggio a qualcuno di cui si fidano per chiedere aiuto, se lo desiderano. Messaggi analizza le immagini allegate e determina se una foto contiene nudità, pur mantenendo la crittografia end-to-end dei messaggi. La funzione è progettata in modo che nessuna indicazione del rilevamento di nudità lasci mai il dispositivo. Apple non ottiene l'accesso ai messaggi e non vengono inviate notifiche al genitore o a nessun altro. Possiamo stare più tranquilli allora adesso e speriamo che funzioni del genere vengano implementate anche dalle altre compagnie.

LEGGI ANCHE: Apple Thunderbolt 4 Pro è arrivato ed ha un prezzo e delle prestazioni esorbitanti: tutti i dettagli

Lascia un commento