Android, niente più App di terze parti: ecco cosa cambierà da Maggio

A partire dall'11 maggio 2022, le app di terze parti che registrano le chiamate verranno rimosse dal Play Store di Android. Lo smartphone è diventato nel tempo uno strumento che ci accompagna ogni giorno in modo caleidoscopico. Quello che un tempo era un dispositivo "portatile" per effettuare telefonate si è ora arricchito di una miriade di funzioni. Man mano che vengono creati sempre più spazi connessi e sempre più la tecnologia viene utilizzata direttamente dai nostri smartphone, una delle priorità su cui le aziende manifatturiere hanno insistito è la privacy. Lo stanno chiaramente facendo per rassicurare gli utenti, in particolare quelli che sono più preoccupati per questi problemi. Alla fine dello scorso anno, su questo blog, abbiamo classificato le migliori aziende da questo punto di vista: quale ispira di più la nostra fiducia? Lasciamo l'articolo a questo link. Uno degli strumenti più utilizzati nei nostri smartphone è WhatsApp.

Anche le app di messaggistica sono costantemente al lavoro per prevenire seri danni alla privacy dei propri utenti, di cui parleremo anche in un altro articolo. Tuttavia, la notizia di oggi ci porta un annuncio tanto atteso. Le app di terze parti non saranno più in grado di registrare le chiamate, ma le app del produttore terranno conto che si tratta di una registrazione delle chiamate senza il consenso dell'utente. Tutto non è iniziato oggi. Alcuni anni fa Google ha ritirato l'API in grado di ascoltare e registrare le chiamate da app di terze parti su smartphone. Sebbene queste restrizioni siano state rimosse, gli sviluppatori possono sempre trovare il modo di aggirarle senza intraprendere alcuna azione. Ad esempio, ciò che l'applicazione ha fatto finora è sfruttare l'API di accessibilità per ottenere i record delle chiamate. Tuttavia, a partire dall'11 maggio, anche questo sarà fuori dalla portata degli sviluppatori. Non è chiaro quali misure verranno prese contro queste app, ma probabilmente verranno rimosse dal Play Store. Tuttavia, la storia dei produttori diretti è diversa. Le aziende che producono smartphone continueranno infatti ad avere la possibilità di registrare le chiamate. È anche abbastanza ovvio se ci pensi: l'app "Telefono" di Google deve essere in grado di farlo per poter effettuare chiamate. In breve, questo è un enorme passo avanti verso il rispetto della privacy degli utenti.

LEGGI ANCHE: Amazon sta pensando alla realtà aumentata con un nuovo dispositivo? Quello che c’è da sapere

Lascia un commento