Little Signals di Google, un progetto geniale che potrebbe non essere messo in commercio: come funzionerebbe

Come i comuni esseri umani che iniziano un progetto, senza portarlo a termine, anche per Google a quanto pare è così. A volte decide, giustamente, di mollare perché probabilmente non pensa che possano essere buoni sistemi o dispositivi da portare al termine. In questo caso ti sto per proporre un dispositivo alquanto insolito ma che, secondo molti, non dovrebbe essere dimenticato, anzi.. Ma cosa c'è di così speciale? Big G ha sempre progettato dispositivi particolari, infatti questo dispositivo ne è la prova lampante. Devi sapere che la casa di Mountain View possiede un sito web chiamato "Experiments with Google", che mostra una raccolta di idee che potrebbero non vedere mai la luce del giorno, ma che servono come possibili veri esperimenti in futuro. Little Signals, ad esempio, è uno di questi, che vuole dimostrare il concetto di attrezzatura di ricerca sull'Ambient Computing (secondo Sinergy Luce Gas - Ambient computing, o intelligenza ambientale, è un termine quasi astratto, una condizione che descrive come il rapporto tra uomo e tecnologia si faccia sempre più stretto. Se vuoi coglierne il significato concentrati sul termine “ambiente), oltre ad essere un'idea di super tecnologia che non è mai stata utilizzata. Sto parlando di una serie di diversi studi interattivi, come suoni o spifferi d'aria, che sostituirebbero le notifiche o condividono informazioni in un modo totalmente diverso da quello a cui siamo abituati a ricevere. Quindi questo rende questo prodotto molto speciale e molto convincente, ma come abbiamo detto, possiamo solo parlare di come sarebbe se fosse sul mercato.

Little Signals di Google: quali sono le caratteristiche del Device

Attualmente sono prodotti solo sei dispositivi, che possono includere diversi tipi di notifiche, come le notifiche aeree, che generano impulsi di vento per spostare oggetti vicini, come foglie di piante per attirare l'attenzione (del pulsante) che riesce a combinare movimenti e suono per comunicare e fornire controllo, o un movimento con sette pioli che rappresentano graficamente informazioni, come un calendario o un cronografo, attraverso i loro movimenti. Passiamo al ritmo, che produce un suono ambientale così armonioso da far identificare le persone con un luogo immaginario, l'ombra, che permette loro di comunicare attraverso il movimento di ciò che proietta, e infine il tatto, che usa spesso le superfici per creare Suono per la funzione di notifica. Da quanto ti abbiamo detto, questi articoli possono sembrare straordinari, ma in generale non sono sul mercato e non ce ne sono molti in futuro. Google ha abbandonato l'idea per ragioni chiave che non ha rivelato, ma è probabile che avessero a che fare con l'effettiva inutilità che sarebbe apparsa poco dopo il primo utilizzo.

LEGGI ANCHE: Ora non bisogna più dire: "Hey Google", ma basterà "Guarda e parla": come funziona la nuova attivazione di Nest Hub Max

Lascia un commento