Elon Musk e i viaggi su Marte, quanto c'è di vero? Le ultime novità riguardanti Space-X

Viaggi su Marte, fantascienza o realtà? Molto si è parlato di possibili viaggi con equipaggio sul pianeta rosso, ma ad oggi rimangono solo fantasie per sceneggiatori di film di fantascienza. I costi e i tempi continuano ad essere estremamente proibitivi e le risorse a disposizione sembrano ancora essere al di fuori della nostra portata. O forse no? Elon Musk, il discutissimo miliardario a capo del progetto Sapce-X  sembra non essere d’accordo. Se non dietro l’angolo, stando alle sue ultime dichiarazioni rilasciate in un'intervista presente su youtube, nell’arco della prossima decade il sogno potrebbe diventare realtà. Per quanto riguarda l’invio di sonde e robot sul suolo marziano non sembrano esserci grossi problemi. Il 18 febbraio 2021 il rover Perseverance della Nasa, ad esempio, è approdato sul pianeta rosso senza nessuna complicazione e la sua missione di trovare tracce di vita in quell’ambiente ostile continua ancora indisturbata. Lo stesso non si può dire per quello che riguarda, però, i viaggi con equipaggio ma, secondo l’opinione del visionario americano, potremmo essere smentiti nell’arco di breve tempo.

La ricerca di Space-X riguardante l’utilizzo delle risorse necessarie all’ambiziosissimo progetto marziano procede senza sosta, dichiara Musk, e i risultati che stanno arrivando sono tali da indurre il magnate a promette che l’uomo metterà il primo piede su un pianeta diverso dalla terra nei prossimi due lustri. Sembra, francamente, una previsione parecchio ottimistica ma nessuno più di Musk può conoscere quali siano le ultime conquiste ingegneristiche sviluppate in casa Space-X e siamo quindi speranzosi che questo annuncio possa trovare conferma in tempi brevi. Su twitter si è addirittura sbilanciato quando è spinto a dichiarare alcune possibili date manifestando, in effetti, forse davvero troppa fiducia nel suo team di scienziati. Se infatti in prima battuta ha proposto un atterraggio umano su Marte nel 2029, si è addirittura spinto fino a pronosticarne uno tra il 2024 e 2026. Nonostante speriamo che possa avere davvero ragione, ci riserviamo di avere qualche dubbio in proposito.

Va sicuramente sicuramente ricordato, però, che non solo SpaceX sta lavorando a progetti che comprendano lo sbarco umano, prima sul nostro satellite e poi su Marte. L'Agenzia spaziale europea (ESA) e la celeberrima NASA stanno infatti dedicando molti sforzi a progetti simili e le possibilità che i vari sviluppi tecnologici provenienti da ambienti diversi possa apportare l’impulso decisivo per lo sviluppo di un progetto che consenta all’uomo di raggiungere il pianeta rosso in tempi ragionevoli potrebbero essere effettivamente decisivi per portare a  compimento questo ambizioso progetto. La notizia arriva poche ore dopo il comunicato ufficiale del CEO dei social di Twitter del mancato accordo circa l'ingresso dell'imprenditore sudafricano nel 'board' della società. Una notizia molto discussa a inizio aprile ma dopo qualche giorno di totale silenzio è stata smentita dai diretti interessati.

LEGGI ANCHE: Elon Musk non entra più in Twitter: il comunicato ufficiale del CEO del social

Lascia un commento