Arrivano gli Snapchat Spectacles, gli occhiali pensati per i Content Creators: tutti i dettagli

Snapachat ha presentato i suoi Spectacles, i primi modelli di occhiali di Snap Inc progettati per creare contenuti video e consentire l'uso dell'AR e della realtà aumentata. Come ha spiegato Wired, è stato ovviamente fortunato a poter provare gli stessi occhiali, che non sono disponibili per l'acquisto ma sono disponibili solo per alcuni creatori. Gli occhiali sono compatibili solo con iPhone grazie allo scanner lidar e si basano sulla piattaforma Qualcomm Snapdragon XR1 dalla forma molto squadrata e futuristica: “Visti dall’esterno – scrive Wired.it – sembrano un bizzarro paio d’occhiali da sole custoditi in una scatola nera su misura che pare uscita da un film di 007”. Pesano 134 grammi e hanno una durata della batteria molto breve, inferiore a mezz'ora. Inoltre, la parte posteriore del braccio ha due pulsanti hardware: quello sul a sinistra ti consente di scattare foto e istantanee, mentre quello a destra scansiona persone e oggetti. C'è anche un'area touch sul lato del braccio destro che ti consente di gestire i menu.

Snapchat Spectacles, i nuovi Smartglass per i Creators

“Per ottenere l’effetto di sovrapposizione della realtà digitale a quella analogica – aggiunge Wired – il dispositivo utilizza un doppio display a guida d’onda 3D con un campo visivo di 26,3 gradi di diagonale. Sotto i due naselli è posizionato un sensore in grado di capire quando gli occhiali sono indossati, una luce bianca tra le due lenti segnala invece all’esterno quando gli Spectacles registrano immagini o scansionano gli oggetti. Le videocamere RGB sono posizionate ai due angoli della parte frontale”. Il display di questi spettacolari occhiali intelligenti si adatta automaticamente e dinamicamente a qualsiasi situazione di luce con una luminosità fino a 2000 nits, e ci sono anche quattro microfoni integrati e due altoparlanti stereo. Con l'aiuto dell'app Lens Studio, che può “realizzare e condividere Lenti sulla piattaforma AR di Snap destinate al tracciamento di mani, marker e superfici, portando realisticamente in vita le creazioni per la realtà aumentata”.

Secondo Wired, il sensore tattile non è molto reattivo, ma funziona ancora, e poi ci sono i comandi vocali. Inoltre aggiunge: “l’interazione non è spontanea, ma ci si abitua nel giro di pochi minuti. Gli elementi digitali s’integrano con la visione di quelli reali in maniera molto realistica, stupiscono in particolare le app in cui è anche possibile interagire con i contenuti digitali (per esempio con le mani) che si sovrappongono al mondo reale. Abbiamo provato a mettere e togliere più volte gli Spectacles, ma niente effetto stordimento o nausea, l’obiettivo di Snap è andare oltre i semplici filtri per i video brevi per creare un vero e proprio strumento per interagire con la realtà aumentata”. Per quanto riguarda il processore, sembra ancora un po' lento, ma il problema è stato risolto: “le applicazioni sono potenzialmente infinite e lo scenario aperto da dispositivi come questo, più che per influencer e creator, posso aprire un universo di discorso molto interessante in ambiti che vanno dal gaming allo sport, passando per la didattica o lo shopping”. Il mercato degli smart glass si fa sempre più interessante, con diversi modelli attualmente disponibili all'acquisto, come quello firmato Epson, su Amazon a 567 ottimo anche il modello Bose, molto classico a 226 euro, più futuristico l'Akd Steel a 211. Segnaliamo infine il modello firmato Vufine in vendita a 518 euro.

Lascia un commento