La fotografia su Smartphone si evolve ancora: prevista una novità pazzesca nel futuro prossimo

Sicuramente ad oggi i produttori di Smartphone stanno offendo al pubblico una vasta scelta per quanto riguarda  la fotografia, ma siamo sicuri che è questo quello che gli utenti vogliono?  Un team di ricercatori sta lavorando su innovazioni che potrebbero coinvolgere la fotografia da smartphone. Potrebbe apparire una caratteristica rivoluzionaria: innovazioni mirate a soddisfare una gran bella fetta di utenti (se così possiamo dire) che lo richiedono da molto tempo.
Leggi anche: Apple stravolgerà l'iPhone 14 Pro? Sarà XL con una sorprendente fotocamera: ecco cosa c'è da sapere

Negli ultimi anni, le grandi aziende impegnate nello sviluppo di smartphone hanno raggiunto una frenesia. Sia in termini di specifiche tecniche e design, ma anche in ambito fotografico. Tra sensori all'avanguardia e software avanzati, i risultati sono sempre più professionali. Ma ovviamente non abbiamo raggiunto la vetta massima, anzi. Secondo quanto riferito, un team di ricercatori della Stanford University sta lavorando a una tecnologia innovativa che ha un impatto diretto sul campo della fotografia mobile. Stiamo parlando di un sensore di immagine standard per vedere la luce 3D.
Leggi anche: Samsung Galaxy M53 5G, prezzo da fascia media ma fotocamera e display di altissimo livello: i dettagli

Come il sensore vede la luce 3D sullo smartphone

Questa sarà un'innovazione rivoluzionaria nella fotografia da smartphone. Un sensore di immagine standard per la visualizzazione della luce in 3D è l'ultimo progetto avviato da un team di ricercatori della Stanford University che ha già ottenuto risultati abbastanza soddisfacenti. L'idea è di utilizzare l'imaging 3D per misurare la distanza dagli oggetti. E non sono necessari sensori avanzati con pixel speciali, poiché il sistema associato sarà in grado di convertire i comuni sensori 2D. Oggi, tuttavia, la misurazione della distanza tra oggetti con la luce può essere effettuata solo utilizzando sensori LiDAR. È possibile estendere l'imaging ai sensori standard con l'ausilio di sorgenti luminose e modulatori. Uno dei principali vantaggi a livello concreto è la capacità di catturare scene e oggetti visti a distanza. Oppure chiedi agli atleti di studiare i movimenti dei loro corpi per prevenire infortuni o imparare a migliorare. Al di là della sicurezza del dispositivo stesso, come la scansione del viso con una mappa per sbloccare il telefono. Vedremo se otterremo risultati più soddisfacenti e immediatamente applicabili nei prossimi mesi.

Leggi anche: Xiaomi 12 Ultra, avrà i sensori Leica? Spuntano nuove conferme sulla fotocamera professionale

Lascia un commento