YouTube, l'allarme dei creatori di contenuti: "Gli spammer sono sempre più pericolosi"

Ci sono sempre più commenti spam nei video di YouTube: si tratta di uno spiacevole fenomeno in aumento al punto che alcuni nomi importanti – per restare nel settore tecnologico, possiamo citare il celebre youtuber statunitense Marques Brownlee, in arte MKBHD – hanno deciso di accendere i riflettori in merito al tema, con lo scopo di ottenere una maggiore sensibilizzazione circa l’argomento e far sì che ci sia un intervento risolutivo di chi gestisce la piattaforma. E in effetti questo provvedimento non ha tardato ad arrivare, almeno potenzialmente. Gli autori stessi spiegano che i commenti spam nei video di YouTube non rischiano solo di macchiare il panel, ma sono principalmente un espediente – e di cosa ci si può mai sorprendere visto l'aumento delle truffe online – per falciare nuove vittime, facendo loro la promessa di servizi, ricompense o altri vantaggi vari ed eventuali. In che modo? Lo spammer impersonifica – appunto come succede negli attacchi phishing dei quali parliamo all'interno dei nostri articoli – l’autore della clip, ingannando l'inconsapevole utente che sta fruendo del video.

Maggiore è la visibilità del canale YouTube, più numerosi sono i commenti spam messi chirurgicamente all'interno del box dove di solito si scrivono i commenti. E' da diverso tempo che YouTube deve fare i conti con tale fenomeno e la premura della piattaforma nel cancellare questi contenuti è davvero costante. Solo nell'ultimo trimestre dell'anno scorso per esempio, YouTube ha tolto oltre 950 milioni di commenti, poiché ritenuti contrastanti con le politiche attuate in materia di spam. Un numero decisamente alto che però è lo specchio della diffusione del disagio. Però, il grido d'aiuto lanciato dai noti content creator americani della piattaforma ha dimostrato lo stesso che gli sforzi fatti finora non sembrano bastare tanto che YouTube ha già assicurato una ulteriore stretta, disponendo i suoi sistemi in modo tale da contrastare i mutevoli contenuti spam.

Intanto, coloro che sono autori e vogliono porre un limite a questo fenomeno, possono ripiegare su un vantaggioso strumento provato e consigliato proprio da Marques Brownlee, ovvero il “YouTuber Spammer Purge” messo a punto dal content ThioJoe. Il suo obiettivo è filtrare gli spam in modo veloce al fine di semplificarne l’eliminazione. Si tratta di un provvedimento tampone, nella speranza che strumenti di rimozione molto più incisivi vengano forniti quanto prima da parte di YouTube per migliorare la "qualità" della vita dei poveri autori di contenuti, sempre più in difficoltà, con questi spammer pericolosi.

LEGGI ANCHE: YouTube Android App si aggiorna: aggiunte nuove utili funzionalità | AndroidHD

Lascia un commento