Infettati milioni di cellulari Android, ecco quali applicazioni stanno dando problemi

Decine di app per smartphone disponibili per il download da Google Playstore sembrano integrare lo stesso malware. Una volta installata con l'app, accede brevemente ai dati sulla posizione. Cosa, o chi c'è dietro a tutto questo? Per eliminare le minacce emergenti di recente, il Google Play Store è sottoposto a una pulizia di emergenza. Uno strano malware compare nel codice di dozzine di App. A differenza di molti altri, non punta al furto di dati delle credenziali bancarie, ma a dati relativi al lavoro. Sono note alcune applicazioni identificate come tali veicoli spia: Speed ​​Camera Radar, Al-Moazin Lite, WiFi Mouse. Guardando la sua funzionalità, non sembri notare alcun problema. Il primo è identificare se ci sono autovelox o pericoli sulla strada. Al-Moazin Lite è un'app di preghiera rivolta a coloro che osservano un culto musulmano e viene utilizzata per indicare la direzione della Mecca. Infine, il mouse WiFi trasforma uno smartphone in un mouse per PC. Quindi tutti richiedono di identificare la posizione del dispositivo. Mentre Google sta adottando misure per eliminarle, è importante notare che queste app erano e sono su milioni di dispositivi. Fortunatamente, la raccolta dei dati è stata interrotta dal momento in cui si è diffusa la notizia. La mente dietro la progettazione del malware sembra essere la Measurement Systems.

Leggi anche: Vibrazione personalizzata, la nuova funzione di Android 13: cosa c'è da sapere

Operazioni di cyber intelligence?

Il principale sospetto di Measurement Systems è di aver pagato gli sviluppatori di applicazioni infette per includere malware nel loro codice. In realtà è un kit di sviluppo software (SDK). In cambio, l'azienda darà loro un premio speciale: tutte le informazioni sull'utente dell'app. Seriamente, Measurement Systems è un appaltatore che sembra fornire servizi di cyber intelligence e difesa alle agenzie di sicurezza nazionali. Tuttavia, la società ha respinto qualsiasi accusa e ha affermato di non avere alcuna affiliazione con tali società. I ricercatori Serge Egelman e Joel Reardon hanno scoperto l'esistenza e la funzionalità del malware. Il primo lavora presso l'Università della California, Berkeley, e il secondo lavora con l'Università di Calgary. La loro segnalazione ha immediatamente allertato Google, che ha rimosso dallo store una dozzina di altre app oltre a quelle sopra elencate. Non solo, ma il caso è stato pubblicato sul Wall Street Journal.

Leggi anche: Smartphone Android, una funzione per la sicurezza anche per i vecchi device: ecco di cosa si tratta

Lascia un commento