Apple, le ultime funzionalità per la protezione della privacy fanno tremare i pubblicitari: ecco perché

Il settore pubblicitario è sempre più in crisi, soprattutto a causa delle ultime funzionalità di privacy di Apple. Che cosa sta succedendo?!
Leggi anche:
Una Class Action da 5 miliardi di euro contro Apple: come unirsi

"Relay Privato" e "Nascondi la mia email" sono solo alcune delle nuove funzionalità che sono legate alla privacy che Apple ha scelto di introdurre con il nuovo aggiornamento iOs 15. L'obiettivo dell'OEM di Cupertino è chiaramente quello di fornire una protezione maggiore ai propri utenti, dandogli strumenti per risultare meno vulnerabili in rete. Ovviamente questo preoccupa molto il settore dell'Advertising, perché le possibili mosse di Apple in merito alla privacy potrebbero costar caro alle persone che scelgono un'agenzia di comunicazione per pubblicizzare attraverso i social network i loro prodotti e/o servizi. Se prima bastava mettere in evidenza un post oppure studiare una campagna mirata per raggiungere gli obiettivi prefissati, adesso non sarà più così.  Se almeno le due funzionalità di cui sopra sono esclusive per gli utenti iCloud per ora, Apple potrebbe considerare di estenderle a tutti in futuro. Una soluzione che può ridurre il business pubblicitario.
Leggi anche: Apple identifica gli iPhone smarriti o rubati: quello che dichiara è davvero impressionante

La privacy di Apple crea problemi al settore pubblicitario.

Nello specifico, la preoccupazione è la decisione dell'OEM di Cupertino di estendere Private Relay e nascondere la mia posta elettronica, anche a coloro che non si iscrivono a iCloud. Infatti, con l'introduzione dell'App Tracking Transparency, due parametri fondamentali, gli indirizzi IP e le email, molto utilizzati dagli inserzionisti, saranno a rischio. Ma di cosa stiamo parlando? Private Relay è una VPN il cui compito è mascherare l'indirizzo IP dell'utente dal sito o dall'operatore dell'applicazione. Oltre a crittografare il traffico di rete. Nascondi la mia email ti consente di generare un indirizzo casuale che inoltra la posta alla casella di posta principale. È questo secondo punto che preoccupa la pubblicità, perché è più difficile capire chi sta comprando cosa per fornire pubblicità mirata. “Apple continuerà ad eliminare diverse parti della pubblicità e del marketing” , ha affermato il consulente di marketing Robert Jewe.
Leggi anche: Apple entra nel mondo delle console? Indiscrezioni affidabii parlano di un accordo con Ubisoft e Capcom

Lascia un commento