Patente e Carta d'Identità integrate su Apple Wallet: finalmente ci siamo

L'Arizona è ufficialmente diventato il primo stato negli Stati Uniti a supportare patenti di guida e documenti digitali sull'identità dell'app Apple Wallet. Come anticipato dal rilascio ufficiale di Apple, la funzionalità sarà temporaneamente abilitata negli Stati Uniti, in particolare in Arizona, i primi a beneficiare di nuove aggiunte pensate per accelerare la digitalizzazione. Nei prossimi mesi, la funzione dovrebbe espandersi nel resto degli Stati Uniti (in particolare Colorado, Hawaii, Mississippi, Ohio e Porto Rico), ma non si sa ancora che raggiunga l'Europa e in Italia, possibilmente asserviti a tal fine sono previsti una serie di accordi e regolamenti. Tuttavia, Apple intende portare nel resto del mondo una novità senza dubbio comoda e semplice.

Nella tradizione del colosso di Cupertino, la differenza sarà nell'ecosistema Apple e nello scambio di prodotti assolutamente core come iPhone e Apple Watch: grazie alle recenti integrazioni, gli utenti potranno identificarsi mostrando il proprio smartphone o orologio intelligente. A tal fine, l'utente deve avviare l'app Wallet sul dispositivo durante un controllo o per qualsiasi altra esigenza di identificazione. Questi file digitali possono essere utilizzati per i controlli di sicurezza della Transportation Security Administration a l'aeroporto internazionale di Phoenix-Sky Harbor e altri posti di blocco della TSA.
Leggi anche: Digitare il Logo Apple sulla tastiera è possibile: ecco come farlo in pochi passaggi

Documenti di identità su Apple Wallet: come funziona la registrazione

Ma come funziona in modo più preciso? Non devi fare altro che aprire l'app Wallet sul tuo iPhone, toccare il pulsante + e selezionare il documento da registrare, in questo caso la propria patente o la carta d'identità elettronica: in questa fase l'utente può scegliere di salvarlo solo sul proprio smartphone o di prolungare la registrazione anche per i vantaggi dell'Apple Watch. Un altro passaggio importante è fare un selfie e scansionare il fronte e il retro del documento, per motivi di sicurezza e per ridurre al minimo i potenziali abusi, seguendo le istruzioni visualizzate sullo schermo dell'app Wallet stessa per eseguire alcuni movimenti con la testa.
Leggi anche: Apple "copia" Netflix e Spotify: per avere l'ultimo modello di iPhone servirà un abbonamento? Le indiscrezioni

Per accedere ai documenti archiviati sarà necessario utilizzare un metodo di identificazione diverso a seconda del tipo di iPhone: Face ID, per quelli con notch, o Touch ID per quelli con il classico pulsante centrale. È importante sottolineare che non è possibile accedere ai dati registrati senza utilizzare lo sblocco biometrico per l'autenticazione. Apple rileva che tutti i dati di identità sono crittografati e supportano lo standard ISO 18013-5 mDL. Inoltre, la responsabilità di verificare e approvare le richieste degli utenti ricade su ciascun Stato. L'arrivo della patente e dell'ID sull'app wallet sarà finalmente compatibile con iPhone 8 o successivi aggiornati all'ultima versione di iOS 15.4 e Apple Watch Series 4 con sistema operativo watchOS 8.4.

Lascia un commento