Apple "copia" Netflix e Spotify: per avere l'ultimo modello di iPhone servirà un abbonamento? Le indiscrezioni

Sembra che Apple stia prendendo in considerazione un servizio in abbonamento che ti consentirebbe di possedere l'ultimo modello di iPhone ogni anno. L'ecosistema Apple è pronto per espandersi ulteriormente. Non ci sono nuovi prodotti questa volta. In base a quanto abbiamo letto, infatti, l'azienda di Cupertino sembra subire un vero e proprio sconvolgimento nel modo di vendere. Se finora ci sono stati preordini classici e acquisti classici, le cose potrebbero presto cambiare. Gli OEM di Cupertino hanno l'idea di integrare gli abbonamenti, proprio come servizi come Netflix e Spotify. Pagando un canone mensile, gli utenti interessati potranno ricevere a casa gli ultimi modelli di iPhone ogni anno.
Leggi anche: Nuovo Ipad Air 2022, tutto quello che c’è da sapere: “Sarà potentissimo”

Abbonamento per acquistare iPhone? L'ultima idea di Apple

La notizia è stata anticipata da Bloomberg e potrebbe essere ulteriormente confermata nelle prossime settimane. Apple vuole offrire ai suoi utenti l'opportunità di acquistare gli ultimi prodotti rilasciati su base mensile. Il servizio dovrebbe essere disponibile su iPhone già a settembre di quest'anno, ma l'obiettivo è quello di espandersi su iPad e altri dispositivi. Ovviamente, l'obiettivo è aumentare le vendite di nuovi modelli di iPhone in modo che gli utenti possano avere sempre l'ultimo iPhone. Ma non è tutto, poiché potrebbero esserci pacchetti con servizi come Apple One e Apple Care+.
Leggi anche: Instagram rivoluziona il feed della home: ecco tutte le principali novità

Una soluzione che può strizzare l'occhio, ma con un concetto di base diverso. Se a rate il dispositivo diventa effettivamente di tua proprietà, il piano di abbonamento non lo farà. È come se le rate mensili coprissero una sorta di prestito iPhone per 12 mesi prima di passare a quello successivo. E con l'integrazione di servizi e assicurazioni, i vantaggi saranno ancora maggiori. Vedremo se l'idea verrà accantonata da Apple o diventerà realtà nei prossimi mesi.
Leggi anche: Nuovo aggiornamento WhatsApp: cosa cambia e perché non è accessibile a tutti

Lascia un commento