Anche in Italia pagamenti digitali in enorme crescita: i numeri fotografano la situazione attuale

Nell'ultimo anno sempre più italiani si sono avvicinati al mondo dei pagamenti digitali, e a quanto pare non sembrano retrocedere. Con lo scoppio della Pandemia a causa del Coronavirus, le restrizioni, il cashback e la crescita esponenziale degli e-commerce hanno inevitabilmente favorito lo sviluppo degli utenti ad effettuare sempre più pagamenti con l'utilizzo della carta di credito. In effetti, se ne parla da anni, guardando a un futuro lontano in cui i soldi saranno buttati via per sempre.

Non ci siamo ancora, ma è innegabile che gli italiani siano sempre più inclini a pagare con le carte di credito. Su questo si è concentrato l'Osservatorio sui pagamenti innovativi della School of Management del Politecnico di Milano, raccogliendo alcuni dati eloquenti sull'andamento in Italia.
Leggi anche: PayPal, grande novità: da oggi si possono pagare bollette, multe e tasse anche a rate

Pagamenti digitali, i numeri che gli italiani registrano nel 2021

Il 2021 potrebbe segnare una svolta decisiva in questo senso. Gli italiani sono sempre più inclini ai pagamenti digitali, anche per piccoli pagamenti. Secondo i dati raccolti dall'Osservatorio dei Pagamenti Innovativi del Politecnico di Milano, infatti, c'è stato un boom delle transazioni tramite smartphone o device wearable: in totale 7 miliardi di euro, in raddoppio rispetto al 2020. Una presentazione simile vale anche per le carte contactless, con un volume di transazioni di 126,5 miliardi di euro. Contribuire in tal senso è aumentare il limite massimo spendibile a 50 euro senza bisogno di un codice PIN.
Leggi anche: Google ha violato la privacy con le app Telefono e Messaggi? Come stanno le cose

“La pandemia del Covid-19 ha colpito molto duramente diversi comparti economici, ma non ha bloccato il mondo dei pagamenti elettronici. Questi ultimi, infatti, hanno fornito ai cittadini italiani e non solo i mezzi per effettuare sempre più acquisti online nelle fasi di lockdown e sempre più pagamenti contactless al momento delle riaperture dei negozi” spiega di Milano Alessandro Perego, Direttore Scientifico Osservatorio Innovazione Digitale del Politecnico: “Ma in termini di transazioni pro capite, il il divario è peggiorato, l'Italia è scesa al 25° posto su 27 nella classifica continentale, appena davanti a Romania e Bulgaria”.
Leggi anche: Netflix unisce l’utile al direttevole: ecco tre novità da non perdere nella sezione “Giochi”

Lascia un commento